Il-territorio - festa del pescatore

Festa del Pescatore
18/19 -24/25 Agosto 2018
Santa Maria La Scala
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il piccolo borgo  prende il nome dalla “Madonna della Scala”, la quale rappresentò fin dall’antichità, il collegamento tra le cose celesti e quelle terrene, con la Madonna quale suprema figura di intercessione, appunto Santa Maria della Scala. Errato ci pare quel “la”. Maria della Scala, da’ il nome al celeberrimo teatro di Milano, ove pare sorgesse prima del medesimo una chiesetta dedicata alla Madonna della Scala; altre chiese omonime si trovano a Roma, Messina e Noto.In quasi tutte le borgate e paesini, la vita nasce e si svolge attorno al luogo di culto che raccoglie così tutti gli interessi dei suoi abitanti.  L’attuale chiesetta, nasce nel 1925, mentre la prima, dedicata alla Madonna dell’Assunta, si trovava nei pressi dello scalo (u’ scaru) a cui è rimasto il nome al quartiere degli assunti (errore ortografico di trascrizione del tempo che invece sarebbe stato “quartiere dell’Assunta). La memoria storica del luogo, che rammenta anche usi e costumi, è il parroco don Alfio Maccarrone, il quale regge la parrocchia dal 1954 ma essendo un appassionato di storia dei luoghi di appartenenza, ha conoscenze ben più datate. Non è assai remota la nascita della borgata di Santa Maria della Scala, tracce si trovano in una lapide del 1670 che cita la colata lavica dei Monti Rossi del 1669, tutt’ora apposta di fronte alla chiesa.  Nel passaggio dedicato alla Timpa, cui sono più vicini gli “scaloti” e gli abitanti di Santa Caterina, con la differenza che i primi ci vivono sotto e i secondi ci vivono sopra, si parla della vita dei pescatori che dovevano anche guardarsi dalle scorrerie piratesche della marineria turca.Punto di avvistamento era la garitta posta sulla “pietra salpa” così definita perché in loco abbondavano le salpe, (pesci di medie dimensioni) che ebbe funzioni importanti durante la seconda guerra mondiale.
Sono varie le attività folkloristiche che in estate e, precisamente  La Festa del Pescatore Organizzata dall’ Associazione Pescatori e Giovani Santa Maria la Scala ONLUS l’ultimi due weekend di agosto.
La parrocchia da tempo organizza la classica regata tra scapoli ed ammogliati attira l’attenzione soprattutto per le tecniche utilizzate ai fini della vittoria finale. Un altro intrattenimento è la cosiddetta “antenna a mari” una sorta di albero della cuccagna in verticale sul molo di stile parecchio goliardico. La festa della domenica è il classico “giro” del fercolo per le strade del paese con conseguente dono della cera ed offerte varie spesso generose di tutti gli scaloti.

Torna ai contenuti | Torna al menu